IMPOSSIBLE BOUQUET

Potrei forse negare che i fiori e alcuni particolari frutti sono le regine, i principi e le principesse e a scendere duchi, duchesse, marchese e baronesse? Mai. Infatti i fiori sono il cuore delle composizioni e vengono proposti in sfarzosi bouquet che sfuggono le regole delle fioriture e delle stagioni. Ogni fragranza floreale è un viaggio olfattivo e la serie della Maison diptyque è una scrittura unica, la visione di una natura stilizzata ma opulenta, in un bouquet impossibile, costruito intorno a un fiore dominante. Un’istantanea composta da fiori, frutti e foglie, che racconta un “impossible bouquet”: sulla pelle o su una tela, come una storia che evoca un ricordo d’infanzia, di viaggio o l’atmosfera di un giardino nascosto e irreale. 

Per definire questo gioco di simmetrie fra i diversi aspetti di una natura sublimata,  diptyque ha scelto di collaborare con l’olandese Bas Meeuws, un “fiorista digitale”. Bas fotografa i fiori singolarmente, che poi  formeranno la sua composizione, che assembla digitalmente, catturando la grazia di ognuno dei fiori, la delicatezza dei colori, in bouquet senza tempo, irrealistici e poetici. Ma scopriamoli …

L’Ombre dans L’Eau è una fragranza datata 1983 ed è un floreale fruttato. La storia di un sogno, di un placido fiume, di un sonnellino estivo sotto un salice piangente… Rose e bacche di ribes nero colte e riunite in un profumo: il verde vegetale delle foglie di ribes nero, gli accenti fruttati e aciduli dei germogli e l’intensità floreale della rosa. Un’istantanea del mondo naturale, tutta da provare e ancora oggi una fragranza unica.

Olene, vede la luce nel 1988 ed è un floreale puro e racconta Venezia e i suoi giardini nascosti. La sera sotto i pergolati,  nell’umidità calda i profumi delicati del glicine e del gelsomino si impossessano della scena con persistenza. Altre volte, è l’aroma del caprifoglio a primeggiare, con la stessa delicatezza voluttuosa. Per inebriarsi con mille e un profumo floreale, basta esplorare la seducente Venezia, in notti estive attraversando i ponti e percorrere  le sue calli e campielli e perdersi … seguendo un sentore sensuale.

Do Son arriva molti anni dopo  Olene …  nel 2005 . La scrittura è un floreale puro ed è un omaggio a Yves Coueslant, uno dei fondatori della Maison diptyque, trascorreva le estati della sua infanzia a Do Son, nella baia di Ha Long in Vietnam. La brezza marina portava con sé il profumo inebriante ed esaltante delle tuberose. Do Son ha la delicatezza e la persistenza del ricordo di un’infanzia felice trascorsa in Indocina. Un ricordo floreale quasi narcotico, tra leggerezza e voluttà.

Eau Rose vede la luce nel 2012  ed è un floreale verde. Un infuso realizzato con tutte le parti della rosa: aggiungere i petali, quindi le foglie verdi, lo stelo, senza dimenticare i teneri boccioli. “Lasciarli in acqua pulita e attendere” che il miracolo si compia, per rivelare tutta la delicatezza della rosa, i suoi sentori fruttati e il verde acidulo rinfrescante del suo verde … Eau Rose è realizzato delle più belle rose damascene e centifolia anche conosciuta come “rosa di maggio”

Eau Moheli viene realizzato nel 2013.  E’ un floreale speziato dove la bellezza dell’ylang-ylang, qui si mostra a “grandezza naturale”, proprio come dove vive e prospera sull’isola di Moheli, nell’arcipelago delle Comore, chiamate anche isole nascoste nel canale tra il Mozambico e il Madacascar. Un fiore solare, con i suoi petali gialli, cresce nascosta nel mezzo di una vegetazione lussureggiante. Non l’abbiamo mai sentita così: verde, speziata, leggermente legnosa, senza languore né opulenza, ma seducente.

Eau de Sens è un tripudio floreale agrumato che ci sorprende nel 2016.  Una composizione sfaccettata  che stimola i sensi. Si fa carezzevole e, come una ghiottoneria, fa venire l’acquolina in bocca. Eppure, non manca di risvegliare i  sensi  con la sua freschezza indiscreta. Eau des Sens è frutto dell’idea stessa che ha portato alla sua creazione: riunire tutte le sfumature dell’arancio amaro, i suoi rami, le sue foglie e i suoi frutti. Un omaggio a una pianta generosa che regala alla profumeria tante essenze diverse.

La linea floreale

Ogni flacone di questa gamma di fragranze, ha sui lati una serigrafia colorata che identifica il colore di uno dei fiori che fanno parte del suo bouquet.

diptyque porta la natura nei suoi flaconi con un approccio radicale, insieme ai suoi partner produttori di aromi e di profumi; la Maison opera secondo i canoni della sostenibilità e dell’etica.


Cliccare al centro dell’immagine per visualizzare alcune delle materie prime delle creazioni

to be continued

 

 

di Giovanna Cappuccio

 

diptyqueparis.com, olfattorio.it

Commenta per primo