… INCENSO E …

Ci sono note profumiere che ci restano impresse particolarmente e si intrecciano con ricordi passati … Tra queste  l’incenso ci riconduce a luoghi lontani e misteriosi. L’incenso è una resina aromatica, utilizzata negli incensi a combustione e nei profumi ed è ottenuta da alberi di Boswellia, della famiglia delle Burseraceae; di questa specie ne esistono diverse varietà e tutte producono “vero incenso”, che  è un materiale indurito simile alla resina, che proviene dal tronco dell’albero di Boswellia. Normalmente viene usato il suo olio per la pelle e in aromaterapia ed è comunemente utilizzato come nota principale in saponi, lozioni e profumi. Noto anche come olibano, dall’arabo luban o al luban, che significa “bianco”, è un ingrediente usato in profumeria. La parola deriva dal francese antico franc encens“incenso di alta qualità”. La resina di ciascuna di queste varietà è disponibile in varie intensità, che dipendono soprattutto dal momento di raccolta e questa gommaresina viene selezionata a mano, per garantirne l’eccellente qualità.  L’incenso e il misticismo vanno facilmente insieme nel nostro immaginario perché associato ad un significato profondamente religioso; noi tutti abbiamo memoria di quella nota acre durante certe liturgie ecclesiastiche …  però lavorato in maniera totalmente differente, diventa una delle note più utilizzate nella profumeria, soprattutto di nicchia. Restando quindi nella tradizione, l’incenso è molto presente in fragranze speziate che richiamano il Medio Oriente, le carovane che percorrevano la Via dell’Incenso e l’Africa Orientale, su fino al Mar Mediterraneo. Molto usato nell’aromaterapia, l’incenso aiutarilassare la mente ed è spesso accompagnato dalla mirra … e il suo lato freddo può essere esaltato da note agrumate.

Soir d’Оrient di Sisley Paris è una fragranza del gruppo ambrato, che ci porta in paesi lontani e in luoghi magici come l’Alcazar di Siviglia, dove Occidente e Medio Oriente si incontrano e si fondono. Questo profumo è stato presentato nel 2015 ed è una libera reinterpretazione di Eau de Soir. Un profumo avvolto dal mistero che esalta la femminilità, una composizione enigmatica e al tempo stesso sfolgorante di sensualità. Questa variazione di Eau du Soir ci trasporta nell’atmosfera particolare e magica di un palazzo orientale. L’Alcazar si mostra sotto una nuova luce e ci svela una fragranza che esalta una radiosa femminilità.  Una partenza frizzante e affascinante che seduce con il suo cuore floreale-speziato e il calore della sua scia delicatamente legnosa. Il naso di questa fragranza è Olivier Pescheux, abile profumiere nell’interpretare essenze inusuali. Le note di testa sono Zafferano, Galbano Iraniano e Bergamotto che introducono un cuore di Rosa Turca, Pepe Nero e Geranio. La chiusura è sensuale e sfaccettata con l’Incenso, il Patchouli e il Sandalo.

Coromandel di Les Exclusifs de Chanel è una fragranza intensamente orientale, un abbraccio dolce e voluttuoso. Mademoiselle Chanel aveva il dono di saper cogliere gli stili e fonderli con talento. Quando per la prima volta scoprì “un Coromandel”lacca cinese di un rosso particolare, utilizzata soprattutto per realizzare caratteristici paraventiricoprì le pareti del suo appartamento parigino di preziosi oggetti di Coromandel, con decorazioni molto riconoscibili di fiori, rami e paesaggi orientali. Le note profondamente sensuali di Coromandel riflettono questo fascino seducente e misterioso. Il naso di questa fragranza è Jaques Polge, Direttore Creativo della sezione Profumi della Maison e ha voluto ricreare la magia dell’Oriente, mescolando con maestria note classiche a quelle più extravagenti. La fragranza si apre con note frizzanti di Arancia Amara, Neroli e Agrumi, per insidiare un cuore generoso di Patchouli, Iris, Rosa e Gelsomino. La chiusura è un tripudio di essenze avvolgenti e golose dove l’Incenso e il Benzoino si incontrano con il Cioccolato Bianco, la Vaniglia di Tahiti, il Muschio e note Legnose. Il risultato è un sillage delizioso e indimenticabile.

Tra piccoli vizi e peccati capitali, i cuori tentennano e nessuno resiste. Con il suo carattere indiscreto, Rien Intense Incense di Etat Libre d’Orange è un profumo di pelle che avvolge il corpo e persiste nella mente. Leggero come una nuvola, prezioso come il cachemire, sfiora l’epidermide con una carezza talcata. La sua è un’eleganza accurata e la bellezza ipnotica di un moderno Dorian Gray, senza dubbi di genere. Nella sua scia avvolgente lascia un’impronta armonica indimenticabile: fascino allo stato puro. L’accordo vanigliato-oppiaceo intensifica la sensazione di dipendenza. Rien Intense Incence è una fragranza indispensabile… la confessione di un profumiereRien Intense Incense è ricco, dark e forte. Raffinato, con note soffici e succose, è una fragranza che non abbandona mai. La composizione si apre con essenza di Incenso Orpur®, Rosa, Cuoio e Zafferano per scivolare languidamente in un cuore con un assoluto di Iris e di Cisto. Anche il fondo è ricco e profondo con essenza di Patchouli Orpur®, essenza di Vetiver Orpur® e Muschio. Con la sua dichiarazione di indipendenza olfattiva, Etat Libre d’Orange vi offre un’istantanea speciale …il fascino esotico che travolge, fa sognare e … desiderare.

Dawn di Editions de Parfums Frédéric Malle, fa parte della collezione esclusiva “Desert Gems”. Questa collezione nasce dall’intuizione di Frederic Malle, il fondatore, di rendere omaggio alla cultura araba, così strettamente legata al mondo del profumo e decide di ritrarla  in tutto il  suo mistero e fascino. Dawn è l’unica fragranza della collezione di Carlos Benaim e vuole ritrarre olfattivamente un momento di meditazione, poco prima che albeggi, quando il cielo comincia a dipingersi di colori perlati e l’aria si riempie di energia. La composizione ricrea l’atmosfera che si respira durante un momento di intensa riflessione e la quiete che abbraccia le volute di profumo intorno a noi.   Carlos Benaim, invece che soffermarsi sull’accordo orientale per eccellenza formato da Rosa e Oud, ha deciso di focalizzare la fragranza su un Oud naturale proveniente dal Sud Est Asiatico, con delle intense note di Franchincenso, Pepe rosa e Labdano. La Rosa Turca nella composizione, aiuta a creare un rincorrersi di colori di sottofondo alle note più muschiate e incensate. Il risultato è una fragranza che abbraccia, che invita alla riflessione in una nuvola morbida, dagli accenti misteriosi e mistici.

La Fumée Alexandrie di Miller Harris è un profumo ispirato alla città mediterranea di Alessandro il Grande. Lo stesso condottiero faceva uso di essenze e riconosceva al profumo un ruolo importante, definendoli un imprimatur di potere divino, un elemento che distingueva e caratterizzava la figura del sovrano. Amava i profumi e si circondava di estratti preziosi e incenso e ne cospargeva anche le tuniche. Plutarco ne parla in un suo scritto, citando testimonianze dell’epoca che definivano “l’odore della pelle del condottiero gradevole e il corpo tutto era così profumato, come lo erano le vesti che indossava” Egitto, prima civiltà ad usare profumi ed essenze per purificare mente e corpo. Luogo in cui i sacerdoti erano anche profumieri e realizzavano miscele odorose da bruciare nelle cerimonie religiose, unguenti e profumi preziosi per i faraoni, come il Kyphi, un insieme di più di 50 essenze, tra cui mirra, incenso, menta e cannella. Antichi rituali di profumazione attraverso il fumo erano abituali per liberare la mente e purificare il corpo. La Fumée Alexandrie è una fragranza sorprendente di sussurri profumati che si elevano verso il cielo. Dalla cima del leggendario faro di Pharos, note giocose di Mandarino, Cannella, Cumino e Litchi si innalzano dalle strade sottostanti, scivolando pigramente in un’assoluta di Rosa Damascena e Incenso, per mescolarsi con il Legno di Sandalo, l’Ambra, l’Oud e la Betulla. Il naso di questa fragranza è Lynn Harris, che ha voluto omaggiare questa spettacolare civiltà, con una piramide olfattiva che ruota intorno a magia, misticismo e opulenza. Un profumo di gloria.

Le fragranze della Collezione Jaques Zolty sussurrano il messaggio di serenità di Saint Barth e racchiude il senso della libertà dell’oceano che lambisce l’isola con le sue onde. Fermarsi ad ascoltare l’anima dei profumi della collezione Jaques Zolty è come osservare le distese cristalline di questa isola. Significa cogliere il respiro del mare che si allunga, con il suo continuo divenire, nel desiderio di toccare la riva e il suo orizzonte. Sparkling Sand è un orientale chypre, che racconta il tesoro dorato della sabbia che solletica gli occhi con il bagliore dei suoi granelli. Questa fragranza è dedicata proprio alla quiete interiore che si prova quando si tocca la sabbia: per quanto ci si riempia le mani, è impossibile trattenerla e farla propria. Come il più prezioso dei tesori, si concede alla vista, ma non si lascia rapire. Questa fragranza si apre intensa con l’Artemisia, il Limone e l’Incenso sfaccettato, per poi tuffarsi in note innocenti come la Camomilla, l’Albicocca, l’Iris e il Cuoio che rafforza. La chiusura sottolinea e sostiene la composizione con il Cedro della Virginia, l’Ambra, il Muschio e la Vaniglia. “La sabbia è una metafora del tempo. L’uomo si sforza per trattenerlo, per impedirgli di scorrere, ma lui scivola tra le dita. Cos’è il tempo? Chi è il tempo? Mentre ci interroghiamo su di lui, è già passato”. Jaques Zolty docet.

L‘incenso ci proietta in una dimensione mistica e magica, è un sussurro all’orecchio e una gioia imprevedibile e seducente … Direi che vale la pena di un assaggio e indossare il “kind of magic” di questa essenza

 

 

 

di Giovanna Cappuccio

sisley-paris.com, chanel.com, etatlibredorange.com, officinaparfum.com, fredericmalle.com, millerharris.com, olfattorio.it, jaqueszoltyparfum.com

Tutte le fragranze proposte sono genderfree e sono in vendita anche online.

Commenta per primo